Angelo Pulichino, “Caffè e sigarette”

Il rapporto tra una giovane coppia e la madre di lei, ormai chiusa in una ragnatela di ossessioni e meschinità quotidiane fatte di caffè, sigarette sporcizia e qualunquismo.
Un breve racconto di solitudine e cinismo, dalla struttura essenziale, che mette in luce l’eterno ripetersi degli schemi famigliari, generazione dopo generazione.

Pagine: 24

Formato: 11×15

ISBN: 9788890356957

Prezzo: € 3,00

Acquista

[youtube]http://www.youtube.com/v/il04o2hVbbU[/youtube]

2 Comments

  1. Antonio

    Ho letto l’e-book di questo libro ieri, nell’arco di un pomeriggio, “sorseggiando” il testo poco a poco, se così si può dire. Cercherò di formulare un commento che sia il più sensato possibile, per quanto assolutamente soggettivo e, spero, onesto.
    Inizio con un classico voto da 1 a 10: il mio è un 7, che reputo un voto alto. Veniamo alla storia.
    Senza svelare nulla della trama, è necessario dire che siamo di fronte a tematiche variegate ma che hanno tutte in comune la rassegnazione, qui con un’accezione positiva, l’atteggiamento di chi si arrende alla quotidianità, senza che questa arresa sia un atto di debolezza, bensì di coraggio.
    La classica repulsione suocera-genero, il difficile rapporto madre-figlia, i vizi (e il titolo dice già tutto), le abitudini. Gli elementi sono tanti. Il tutto trattato con sapiente ironia.
    C’è spazio anche per la malizia, per chi vuole vedercela (il dottore e le visite dimenticate), la memoria (i panini dell’infanzia), la noia. E poi quella dannata solitudine, quella di chi passa la vita a giustificarla e metabolizzarla.
    Un racconto sincero, è questo l’aggettivo adatto. L’amore, che a tratti sembra assente, è invece presente laddove nessuno se lo aspetta, ovvero nel gesto di evitarsi, di non trovarsi. Forse per lasciarsi vivere a vicenda.

    • Angelo

      Ciao Antonio, ti ringrazio per il tempo che hai dedicato alla lettura di Caffè e sigarette, e alla scrittura della recensione. E grazie anche per il parere positivo.
      Spero che questo spazio possa davvero aiutarci a crescere come autori, senza perdere tempo in pose e ononismi purtroppo tanto comuni in chi cerca di fare qualcosa dalle nostre parti…

Lascia un commento